Opinione: Perché l’industria della casa intelligente deve guardare sopra le mura dei loro giardini?

Tutti i principali attori del settore Smart Home stanno facendo le proprie cose e sviluppando prodotti per la casa intelligente per i loro clienti esistenti. “Ehi, Siri! Accendi le luci della camera da letto ”, non riesco a usare questa frase nel mio salotto poiché Echo controlla i dispositivi in ​​quella stanza e quei dispositivi non sono compatibili con HomeKit. Smart Home è a 90 miliardi di dollari di mercato nel 2020 e si prevede che crescerà in modo significativo nel prossimo 5 anni ma non abbiamo ancora un unico standard per sviluppare questi dispositivi.

È come il selvaggio West nell’industria della casa intelligente

Guardiamo dal punto di vista di un cliente, compro una lampadina compatibile con Amazon e Google Assistant ma è completamente inutile se voglio usarlo con un iPhone a meno che non sia anche certificato HomeKit. Questa mancanza di uno standard comune offre a tutti i produttori il pieno controllo su come sviluppare il protocollo di comunicazione, il processo di associazione e l’interfaccia per il dispositivo. Ad esempio, i dispositivi HomeKit sono dotati di un codice QR che è necessario scansionare per accoppiare un dispositivo, A Google Assistant dispositivo compatibile avrebbe qualche altro metodo di accoppiamento e così via.

Sicuramente ci sono soluzioni alternative per collegare dispositivi IoT incompatibili e di recente ho fatto un articolo su come integrare i dispositivi non certificati HomeKit all’app Home usando HomeBridge ma questo metodo è complicato e richiede un po ‘di grasso al gomito, quindi è contro-intuitivo per una media Joe per usare questo metodo.

Wi-Fi e Bluetooth hanno standard IEEE che consentono a tutte le linee guida del produttore su come implementare correttamente la tecnologia sui propri dispositivi. C’è un modo standard per connettere il tuo dispositivo al Wi-Fi ed è esattamente lo stesso su tutti i dispositivi. Lo voglio solo per i dispositivi Smart Home.

Un raggio di speranza

Connected Home Over IP è un progetto collaborativo che mira a sviluppare un unico standard su cui comunicare i dispositivi di casa intelligente. Perché penso sia un’ottima idea? Per cominciare, sarà completamente open-source e privo di royalty, in secondo luogo, sarebbe sviluppato tramite l’attuale protocollo Internet. Ciò renderebbe più semplice sia lo sviluppo dei dispositivi sia un processo coerente su più piattaforme. Attualmente agli inizi, se questo progetto decolla e queste aziende iniziano a utilizzare un protocollo standard, unirebbero letteralmente i dispositivi Smart Home. Win-win per tutti. Puoi leggere di più sul Progetto sul loro sito Web e vedere quali aziende ne fanno parte. In questo momento, Zigbee Alliance sta guidando il progetto e molti importanti attori si sono iscritti per farne parte. Con aziende come Apple, Samsung, Amazon, Google, IKEA e molti altri a bordo, posso sognare un futuro più intelligente.