Pubblicità digitale e il futuro della grande tecnologia

Pubblicità digitale e il futuro della grande tecnologia 1

La pubblicità digitale è ovunque ti giri. Finché sei su Internet sarai accostato a diverse forme di annunci che vanno dagli annunci di Google ai popup. Gmail ha un'intera scheda chiamata promozioni dedicata ai soli annunci. Prova come puoi non puoi evitare le pubblicità. A differenza della pubblicità faccia a faccia non puoi chiudere la porta in faccia o imparare come evitare i venditori. Disabilita le impostazioni popup del browser e Facebook ti dà ancora una buona dose di pubblicità.

Qualunque cosa tu stia facendo o qualunque sia la piattaforma su cui ti trovi, ti ritroverai ancora distratto dagli annunci e se sono abbastanza intriganti (cosa che di solito sono dal momento che i gestori degli annunci seguono corsi solo su come attirare la curiosità umana) improvvisamente si interessano a un prodotto che non hai mai nemmeno sentito di aver bisogno. Prima di conoscerlo, stai cercando di essere incluso nella tendenza attuale e saperne di più. Anche se non è al momento, puoi ancora ritrovarti a ripensare, a desiderare un determinato prodotto e a ricordare un determinato annuncio. Tutto questo grazie al marketing digitale. È abbastanza sicuro dire che la pubblicità digitale è il futuro e il futuro è qui.

Le grandi aziende tecnologiche o le grandi tecnologie hanno portato l'impossibile a portata di mano, inaugurando una nuova era digitale. Non si può parlare di grande tecnologia senza aziende come Google, Facebook, Apple, Amazon e Microsoft viene in mente tra gli altri.

Eppure tutte queste aziende non riguardano solo la tecnologia, ognuna ha la propria area di competenza. Google o Alphabet si occupano principalmente di pubblicità digitale, software e il famoso motore di ricerca mentre Facebook è una piattaforma di social media. Amazon è un'organizzazione al dettaglio che si occupa della vendita di prodotti. Apple è una società tecnologica che produce telefoni e laptop e altri prodotti. Microsoft si occupa di software per computer. Eppure in questo momento dominano il mercato e i loro marchi sono abbastanza forti da resistere al contraccolpo più economico.

In qualche modo la maggior parte di loro ha allargato le ali, diversificato negli ultimi anni e ha cercato di comprendere più di ciò che ha iniziato ad essere. Apple non si tratta più solo di telefoni e gadget, Google è molto più di un semplice motore di ricerca e Amazon non può più essere etichettato come un rivenditore. Hanno raggiunto e trovato nuovi mercati in cui affondare i loro artigli e crearne uno proprio.

Facebook guadagna la maggior parte dei suoi soldi sugli annunci pubblicitari e tutti in un punto o nell'altro sono stati acceduti dai leggendari annunci di Google. La pubblicità richiede un'enorme fonte di dati e un grande database da cui viene determinato il target dell'annuncio. Tutte le grandi aziende tecnologiche raccolgono dati personali dai propri utenti. Se ti sei mai registrato su una o più piattaforme online, i tuoi dati sono stati raccolti da una o più grandi aziende tecnologiche. Dal tuo nome, stato civile, età, istruzione, indirizzo personale alle tue opinioni politiche, posizioni religiose e persino i dettagli della tua carta di credito. Se acquisti online, cosa che fa quasi tutti, i dettagli della tua carta di credito sono stati archiviati in un database da qualche parte.

Ora, mentre l'idea di far raccogliere le informazioni personali di un totale estraneo può sembrare spaventoso (indipendentemente dalle promesse fatte sulla protezione della privacy), queste informazioni sono fondamentali per portare la pubblicità alla fase successiva. Questi dati raccolti dalla grande tecnologia sono stati utilizzati per indirizzare qualsiasi annuncio verso un determinato pubblico. Dai tuoi guadagni mensili ai tuoi gusti e antipatie, questi possono essere usati per sapere a quale particolare sei maggiormente interessato. Se vengono raccolte abbastanza informazioni, è possibile creare annunci che potrebbero sembrare auto-intelligenti, indirizzati solo a uno specifico e pubblico diretto.

Ciò non è possibile senza i dati raccolti dalle grandi aziende tecnologiche. Quasi tutte le grandi aziende tecnologiche possiedono i dati e le risorse per creare annunci intelligenti e rivolgersi a un pubblico particolare. Ecco perchè Facebook e Google sono i leader nella pubblicità digitale e presto anche altre grandi aziende tecnologiche abbracceranno gli annunci digitali come parte dei loro marchi.